11 modi per dire che il tuo personal trainer è una perdita di tempo e denaro

La professione di personal trainer è particolare.

Per cominciare, non c’è fondamentalmente nessuna barriera per entrare. Qualsiasi idiota può mettersi una tuta da ginnastica e definirsi un personal trainer “professionista”. Nelle palestre commerciali, dove ci si potrebbe aspettare di meglio, il controllo di qualità su questo fronte è spesso praticamente inesistente.

E tuttavia, allo stesso tempo, essere un personal trainer è estremamente difficile. Un personal trainer efficace, cioè. Hai bisogno di conoscenze multidisciplinari per entrare nella pelle del tuo cliente, la volontà di fare lunghe ore e la capacità di leggere come ottenere il massimo dalle persone.

Gli allenatori scadenti spesso non sono altro che babysitter in palestra

I migliori personal trainer sono sinceramente investiti nei progressi dei loro clienti. Si preoccupano. Chiedetevi: qualunque sia la professione, quante persone conoscete che si preoccupano veramente delle persone con cui lavorano? È una qualità rara e insolita in qualsiasi percorso di vita; quelli che la dimostrano vanno lontano nella vita perché si distinguono dalla folla.

L’allenamento personale è una spesa di lusso e i migliori PT – quasi un ossimoro ma non del tutto – non sono economici. Ecco 11 modi per capire che hai a che fare con un clown e non con un intenditore.

Più interessato al proprio riflesso che al tuo

Un buon personal trainer usa molto gli specchi – ma non invano. Piuttosto che guardare il proprio riflesso, dovrebbe usare lo specchio per controllare la forma del tuo esercizio da ogni possibile angolo. Questo li aiuterà a fornire spunti per correggere la forma degli esercizi, che scivola sempre durante un allenamento quando la fatica si fa sentire.

Ispiratore come una lattuga bagnata

In parte allenatore, in parte motivatore, in parte specialista del movimento, in parte nutrizionista e in parte ispirazione. Devi essere in grado di guardare il tuo allenatore e vedere che fa il suo lavoro.

Questo significa che deve essere Mister Universo? Assolutamente no. Il suo fisico, la sua energia e il suo atteggiamento devono riflettere una vita ben vissuta e portare i frutti di un regime di esercizio efficace? Al di là di ogni dubbio, sì.

Vedi di più!

Meno allenatore, più amico in affitto

Gli allenatori deboli non hanno fiducia nella loro capacità di aiutarti a ottenere risultati, quindi vivono nella costante paura di perdere clienti. Questo significa che l’unico modo in cui sanno come aggiungere valore è essere un “Entertrainer” – o un amico in affitto.

Il tuo avvocato o commercialista è un tuo amico o un consigliere di fiducia? Quest’ultima opzione è lo stesso tipo di relazione che un trainer di qualità adotterà sempre.

Ti mettono sul tapis roulant durante una sessione

Se questo succede, licenzialo.

Non c’è dubbio che qualcuno leggendo questo blatererà sull’utilità del cardio o sul concetto di interval training su un tapis roulant. Sì, ci sono casi eccezionali – ma il 99% delle volte se vedete un allenatore in piedi accanto a un cliente che sta facendo jogging su un tapis roulant mentre paga per il tempo, allora il cliente è stato fregato.

L’allenatore medio ha meno di due ore a settimana con il suo cliente, quindi il suo obiettivo dovrebbe essere sempre un lavoro di qualità e far contare ogni singolo minuto.

La tua regola pratica dovrebbe essere che se puoi farlo da solo nel tuo tempo libero, allora perché preoccuparsi di pagare una babysitter?

Nessuna registrazione

Lavori con un allenatore per aiutarti a fare progressi che non faresti lavorando da solo. È un investimento, e come ogni investimento, avete bisogno di vedere un ritorno quantificabile. Questo è il motivo per cui hai bisogno di registrazioni passo dopo passo di come stai facendo.

Gli allenatori pigri che non possono essere disturbati a tenere registrazioni chiaramente non si preoccupano dei tuoi progressi. Non dovrebbe importarti di pagarli con i tuoi soldi duramente guadagnati.

Nessun piano d’attacco

Se il tuo allenatore viene in palestra e mette le ali, allora trovane subito un altro. Mentre gli allenamenti possono spesso cambiare al volo, non ci sono scuse per il tuo allenatore che non ha preparato l’intera sessione in anticipo. Lui o lei dovrebbe conoscere gli esercizi, i pesi, gli intervalli di riposo e persino il tempo dell’esercizio. Tutto deve puntare in una direzione: verso i tuoi obiettivi finali.

Saluta e saluta alla porta della palestra

Molto pochi personal trainer pensano ai loro clienti oltre all’ora in cui sono con loro in palestra. Essere un grande personal trainer significa essere investito nei progressi del tuo cliente e questo richiede tutta una serie di cambiamenti nello stile di vita, che hanno bisogno di un mix di supporto, incoraggiamento, assillo e a volte anche un po’ di giudiziosa prepotenza!

È compito del tuo trainer sapere tutto di te, non viceversa

Questo rende il lavoro di personal trainer molto più di un 9-5 ed è uno dei tanti motivi per cui i trainer di basso livello spesso non sono altro che babysitter da palestra.

Nessuna scheda dei risultati

Questo dovrebbe essere abbastanza ovvio, ma se guardi la maggior parte delle aziende di personal training non hanno risultati reali da offrire.

Il successo lascia indizi. Quindi, proprio come vorresti delle referenze prima di assumere un’impresa di costruzioni per fare la conversione della tua soffitta, dovresti anche controllare il tuo personal trainer. Video e foto sono la cosa da cercare qui – la prova che la persona che stai pensando di assumere ha aiutato in modo significativo persone come te in passato.

Ovviamente, né le foto né i video sono perfetti e ci sono un sacco di ciarlatani senza scrupoli là fuori che modificano i tempi o usano Photoshop. Tuttavia, in generale, se trovi un’azienda con centinaia di risultati, allora hai il diritto di sentirti in mani sicure.

Fissa l’obiettivo

Tutti i buoni personal trainer dovrebbero essere guidati dall’obiettivo. Se non c’è un obiettivo, allora stai solo sperando arbitrariamente in un risultato. Tuttavia, non si vuole un allenatore che sia esclusivamente orientato al risultato. Se venite da me per perdere 20 libbre e tutto ciò che mi interessa è il risultato, allora vi faccio morire di fame e in pochissimo tempo quel peso sarà perso. Un bonifico bancario andrà benissimo, grazie mille.

Un buon allenatore avrà un approccio diverso. Lavorerà sempre con voi per raggiungere il vostro risultato, ma più di questo lavorerà con voi per fissare i vostri comportamenti in modo che qualunque cosa accada all’obiettivo specifico, ne uscirete con un’educazione, migliori abitudini e la comprensione che una grande salute e fitness è una ricerca per tutta la vita piuttosto che qualcosa che si fa per un piano di allenamento personale di 12 settimane.

Vedi di più!

Telefoni cellulari

Come ti sentiresti se il tuo medico tirasse fuori il suo telefono a metà consulto e iniziasse a mandare messaggi al suo amico?

La tua indignazione dovrebbe valere anche per i PT. Troppi allenatori di palestre commerciali non riescono a capire la natura inaccettabile di questo tipo di comportamento.

Il mio preferito è l’allenatore che una volta ho visto che aveva un cliente pagante che faceva jogging sul tapis roulant mentre lui sedeva sul pavimento accanto alla macchina, il suo telefono tra le gambe, un giornale tra le mani e un panino e un caffellatte al suo fianco!

E’ stato questo esempio che mi ha finalmente convinto a iniziare la mia attività di personal training, Ultimate Performance. Non ne potevo più e volevo dimostrare al mondo, e forse anche a me stesso, che c’era (c’è) un modo molto migliore.

Sai più tu del tuo allenatore che lui di te

Se hai un allenatore e sai tutto della sua vita personale, dei suoi cani, dei suoi movimenti intestinali e di cosa ha mangiato a colazione, allora ti sei comprato un amico e non un allenatore.

È compito del tuo allenatore sapere tutto di te, non viceversa. Deve avere una prospettiva a tutto tondo e costantemente aggiornata sul tuo stile di vita, lo stress, il sonno e sì, anche la digestione.

Come nell’esempio del medico e del suo telefono, non chiedete tutto del vostro avvocato – quindi perché dovreste chiedere del vostro PT?

Se conoscete i suoi dettagli intimi, allora chiedetevi: state agendo come una zia agonizzante non pagata?

Mi vergogno dell’industria quando vi dico che stimo che una minoranza significativa delle relazioni trainer/cliente funziona esattamente così.

Nick Mitchell è il fondatore di Ultimate Performance, un’azienda di personal training con palestre in quattro diversi continenti. Ama essere un personal trainer e pensa che sia uno dei migliori lavori al mondo quando è fatto bene (cosa che lui crede non sia abbastanza spesso).

Nick Mitchell

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.