Ativan durante la gravidanza e l’allattamento

Le donne incinte possono prendere Ativan?

L’uso di Ativan durante la gravidanza non è generalmente sicuro. Le benzodiazepine come Ativan (Lorazepam) sono note per causare danni al feto e quindi devono essere evitate durante la gravidanza.

La FDA classifica Ativan come farmaco di categoria D in gravidanza. Questo significa che c’è una chiara evidenza del possibile rischio per il nascituro. Sulla base di studi sugli animali, Ativan aumenta il rischio di difetti di nascita e aborti. Tuttavia, i farmaci che rientrano nella categoria D di gravidanza possono ancora essere presi da una donna incinta se i benefici percepiti superano i potenziali rischi. Per esempio, in caso di condizioni pericolose per la vita come lo status epilepticus (convulsioni prolungate) e non ci sono opzioni disponibili, l’Ativan può essere dato alla donna incinta.

La ricerca attuale non è conclusiva, ma l’assunzione di lorazepam durante il primo trimestre di gravidanza può aumentare la possibilità di malformazioni, QI ridotto e ritardi di sviluppo. Sono stati riportati casi di bambini nati da madri che hanno assunto benzodiazepine durante la tarda fase della gravidanza o ore prima del parto, che presentano sintomi di astinenza. Alcuni dei sintomi segnalati includono diminuzione dell’attività, difficoltà di respirazione o respirazione superficiale, cessazione improvvisa della respirazione, problemi di alimentazione, temperatura anormalmente bassa, diminuzione del tono muscolare e problemi nell’affrontare lo stress da freddo. Questi effetti possono durare poche ore dopo la nascita o fino a quando il bambino ha qualche mese di vita.

Questi sintomi devono essere monitorati attentamente per prevenire possibili danni al bambino. Uno studio specifico sugli animali suggerisce che l’assunzione di dosi di lorazepam da 20 a 36 mg/kg può provocare palatoschisi (chiusura incompleta del labbro superiore e del tetto della bocca).

Prima di iniziare a prendere Ativan, assicuratevi di discutere con il vostro fornitore di assistenza sanitaria qualsiasi piano di gravidanza. Se rimanete incinta durante il trattamento con Ativan, contattate subito il vostro fornitore di assistenza sanitaria. Il vostro fornitore di assistenza sanitaria deve considerare i possibili benefici e rischi di prendere Ativan durante la gravidanza prima di dare qualsiasi raccomandazione.

Le donne che allattano possono prendere Ativan?

Studi precedenti suggeriscono che Ativan è escreto nel latte materno in piccole quantità. A causa dei possibili gravi effetti collaterali sul bambino che allatta, Ativan non è normalmente raccomandato alle pazienti che allattano. I produttori raccomandano che questo farmaco sia usato dalle donne che allattano solo quando c’è una chiara necessità e quando i benefici superano i potenziali rischi.

Un effetto collaterale potenzialmente grave dell’uso di Ativan è la sedazione, ma non è stato riportato. L’American Academy of Pediatrics dice che anche se l’effetto di Ativan sui neonati che allattano è sconosciuto, può essere preoccupante. Ci sono alcuni rapporti che affermano che i neonati di madri che allattano al seno mostrano effetti negativi come scarsa alimentazione e sedazione. I bambini esposti alle benzodiazepine attraverso il latte materno devono essere attentamente monitorati per effetti farmacologici indesiderati.

Informi il suo fornitore di assistenza sanitaria se sta allattando e le è stato prescritto Ativan. Il suo fornitore di assistenza sanitaria deve considerare i possibili benefici e rischi dell’assunzione di Ativan durante la gravidanza prima di dare qualsiasi raccomandazione. A seconda della situazione, il fornitore di assistenza sanitaria può raccomandare di continuare il farmaco e interrompere l’allattamento al seno o cambiare il farmaco. Lei e il suo fornitore di assistenza sanitaria troverete una decisione condivisa che meglio si adatta alla sua situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.