Benefici della riflessologia: 7 incredibili benefici per la salute

Sono affascinato dai benefici della riflessologia. Per la maggior parte, questo è perché nessuno capisce davvero come o perché funziona così bene. È sorprendente che quest’arte curativa di 6.000 anni sfugga ancora anche ai migliori scienziati.

Paul ha detto: “Oh, la profondità delle ricchezze della sapienza e della conoscenza di Dio!” (1)

Probabilmente sapete già che io sono una persona basata sulle prove. Prima di essere certo di qualcosa, voglio vedere una ricerca rivista da pari a pari. Infatti, le informazioni che fornisco ai pazienti sul mio sito web provengono principalmente dalla letteratura scientifica.

Spesso, tuttavia, c’è poca ricerca, e in questo caso, ho bisogno di prendere una prospettiva storica. Questo è sicuramente vero con la riflessologia, che è una pratica di guarigione antica. È stata usata per millenni, e ci sono centinaia di migliaia di testimonianze personali che la sostengono. Questo significa che la prova è nel budino?

Che cos’è esattamente la riflessologia?

Il vitalismo è al centro della riflessologia. Questo è il concetto popolare che un’intelligenza innata governa il nostro corpo, promuove l’auto-guarigione e ci controlla. È simile a come, dopo essersi tagliati, per esempio, una benda può stimolare la tendenza naturale del corpo a coagulare il sangue. Questo è il modo in cui i riflessologi vedono il loro approccio sistematico al massaggio dei piedi e delle mani. Vedono questa forma di massaggio come uno stimolo alla risposta di guarigione stimolando il sistema nervoso.

La riflessologia ha una ricca storia. Ci sono diverse teorie che spiegano questa bella arte curativa.

Come funziona la riflessologia

Molti ricercatori sono stati confusi su come funziona la riflessologia in modo scientifico. In realtà, nessuno sa esattamente come funziona. Tuttavia, c’è un accordo sul fatto che la riflessologia è sicuramente efficace nel trattare e prevenire numerose condizioni di salute. Ci sono quattro teorie di base su come e perché la riflessologia funziona. (2)

Teoria dell’adattamento del sistema nervoso centrale

Questa è una teoria che deriva da una scoperta fatta alla fine del XIX secolo da Sir Henry Head e Sir Charles Sherrington. Questi uomini hanno scoperto che ci sono relazioni tra i nostri organi corporei e la nostra pelle, così come gli stimoli esterni come il massaggio. La stimolazione e la connessione tra questi elementi può creare effetti curativi all’interno del sistema nervoso.

Teoria del controllo dei cancelli

Questa teoria parla di come la riflessologia può ridurre il dolore. Suggerisce che il massaggio e la riflessologia migliorano lo stress e la vostra felicità, e questo aiuta con il dolore perché il dolore è effettivamente creato nel vostro cervello.

Teoria dell’energia vitale

Questa teoria ha le sue radici nell’idea dello yin e dello yang. La teoria considera l’idea che lo stress rallenta o ferma il flusso di energia vitale nel corpo di ognuno. La riflessologia aiuta a rinvigorire il flusso.

Teoria delle zone

Questa teoria si basa sull’idea che i nostri piedi e le nostre mani hanno le loro zone di riflesso. Queste zone riflesse corrispondono a certe parti del corpo, come gli organi. Discutiamo di più questa teoria perché ha una ricca storia.

Storia della terapia a zone &Riflessologia

Non è certo quanto spesso la riflessologia fosse usata nel mondo antico. Tuttavia, ci sono molti rapporti che mostrano che la riflessologia risale all’antica Cina (3) circa 6.000 anni fa. Anche gli antichi egizi sono noti per aver usato la riflessologia. Ci sono numerosi segni che sono stati trovati in tombe egiziane che mostrano medici che massaggiano i piedi dei loro pazienti. Le iscrizioni dicono: “Non farmi male” con la risposta del medico: “Agirò in modo che tu mi lodi”. (4)

I romani presero probabilmente la loro conoscenza della riflessologia dagli egiziani. Da lì, si è diffusa in tutto il mondo per diverse centinaia di anni. Ci sono anche tribù nordamericane che usavano la terapia dei piedi prima che Colombo arrivasse in Nord America. Questo significa probabilmente che queste antiche culture hanno trovato quest’arte di guarigione per conto loro.

Più tardi, nel XVI secolo, possiamo vedere dove sono iniziate le moderne iterazioni della riflessologia. La maggior parte della gente chiamava la pratica di guarigione “Terapia a zone”. I libri di storia non sono molto precisi quando si tratta di questa forma di terapia; tuttavia, l’Istituto Internazionale di Riflessologia afferma:

“La terapia a zone era usata già nel 1500 d.C. Si dice che il presidente americano James Abram Garfield applicasse una pressione sui suoi piedi per alleviare il dolore. Durante il 16° secolo, furono pubblicati diversi libri sulla Terapia a Zona, uno fu scritto dal Dr. Adamus e dal Dr. A’tatis e un altro dal Dr. Ball a Lipsia.”

“Zone Therapy” fu usato per la prima volta come termine da William Hope Fitzgerald, MD (1872 – 1942). Usò il termine all’inizio del 20° secolo e mise insieme un protocollo che è ora la base della riflessologia moderna. Usava numerose colonne, bande, ganci, sonde, attrezzi, elettricità, energia luminosa e altri strumenti in acciaio inossidabile per creare risposte antidolorifiche nei piedi e nelle mani dei suoi pazienti. Il lavoro di Fitzgerald fu portato all’attenzione del pubblico nel 1915 da Edwin Bowers, che scrisse un articolo che fu pubblicato su Everybody’s Magazine dal titolo “To stop that toothache, squeeze your toe.”

Bruce Barton, l’editore della rivista, lo descrisse: (5)

“Per quasi un anno il Dr. Bowers mi ha spinto a pubblicare questo articolo sul notevole sistema di guarigione del Dr. FitzGerald conosciuto come Terapia a Zona. Francamente, non riuscivo a credere a ciò che veniva affermato per la Terapia a Zona, né pensavo che avremmo potuto convincere i lettori della rivista a crederci. Alla fine, alcuni mesi fa, andai ad Hartford senza preavviso e passai una giornata negli uffici del dottor Fitzgerald. Ho visto pazienti che erano stati guariti dal gozzo; ho visto problemi alla gola e alle orecchie immediatamente alleviati dalla Terapia a Zona; ho visto operazioni nasali eseguite senza alcun anestetico; e – nell’ufficio di un dentista – denti estratti senza alcun anestetico tranne l’influenza analgesica della Terapia a Zona. In seguito, ho scritto a circa cinquanta medici praticanti in varie parti del paese che hanno sentito parlare della Terapia a Zona e la stanno usando per il sollievo di tutti i tipi di casi, anche per alleviare i dolori del parto. Le loro lettere sono in archivio nel mio ufficio”

Quello che Fitzgerald aveva scoperto era incredibile. Fare pressione su certe zone dei piedi e delle mani poteva alleviare il dolore, e poteva anche aiutare le cause sottostanti del dolore. La terapia a zone era controversa fino agli anni ’30, e solo i professionisti della salute orale e gli osteopati generalmente la ricevevano e la usavano.

Il lavoro di Fitzgerald fu continuato da Eunice Ingham, una fisioterapista (1889-1974). Ingham mappò minuziosamente i piedi con le ghiandole e gli organi a cui corrispondeva ogni parte dei piedi. Oggi, i riflessologi di tutto il mondo continuano ad utilizzare il lavoro della Ingham.

Sette benefici della riflessologia

78 disturbi di salute e 168 studi sono stati valutati dal dottor Kevin e dalla dottoressa Barbara Kunz. Hanno trovato quattro modi principali in cui le persone possono essere aiutate dalla riflessologia (6):

  • Riduce il dolore.
  • Migliora i sintomi.
  • Ha un impatto sugli organi.
  • Crea un effetto di rilassamento.

I meccanismi e i dettagli dietro i fatti positivi elencati sopra non sono completamente certi. Tuttavia, la riflessologia ha avuto un grande successo nell’aiutare il corpo a prendersi cura dei seguenti problemi di salute. Se soffrite di uno di questi 7 problemi di salute, vi consiglio di provare la riflessologia.

Rilievo dell’ansia

La riflessologia ha l’incredibile capacità di aiutare con lo stress e l’ansia. (7) Sessantasette donne in post-menopausa hanno ricevuto in modo casuale nove sessioni di massaggio plantare non specifico o di riflessologia in uno studio condotto nel 2002. Le donne hanno poi completato un questionario sulla salute (il Women’s Health Questionnaire o WHQ), e l’efficacia della riflessologia è stata valutata. I ricercatori hanno visto che la riflessologia ha portato ad una diminuzione dell’ansia del 50 per cento. Questo era due volte quello del gruppo di controllo o di massaggio plantare non specifico!

Minimizzare il mal di testa

Ricercatori in Danimarca volevano sapere quanto bene la riflessologia avrebbe funzionato su persone che avevano emicranie e mal di testa. Hanno fatto questo negli anni ’90. Uno studio che è stato pubblicato in Alternative Therapies in Health and Medicine nel 1999. Lo studio aveva 78 riflessologi che trattavano 220 pazienti per una durata di sei mesi. (8) Dopo appena la metà del tempo trascorso, l’81% dei pazienti ha detto che i loro problemi di mal di testa erano notevolmente migliorati. Il diciannove per cento dei partecipanti allo studio che prendevano farmaci per aiutare con le loro emicranie sono mal di testa sono stati in grado di smettere di prendere questi farmaci.

Aiutando a controllare il diabete di tipo 2

Quelli con il diabete di tipo II comunemente combattono i nervi e le condizioni relative al dolore. La riflessologia non ha dimostrato di influenzare i livelli di glucosio nel sangue, ma potrebbe aiutare con questo dolore nervoso. (9) La rivista, Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine, ha trovato che la riflessologia ha aiutato con il miglioramento della conduttività dei nervi, la riduzione del dolore, e la correzione delle preoccupazioni di contatto vibrazioni e sensibilità termica in pazienti diabetici. Ha anche aiutato a migliorare il controllo dei livelli di glucosio, il che potrebbe significare che un giorno, la riflessologia potrebbe essere regolarmente prescritta per quelli con diabete di tipo II.

Sintomi della sindrome premestruale

Circa il 50% delle donne che sono nell’età delle mestruazioni hanno dolori mestruali o dismenorrea. Ci sono anche numerosi altri effetti collaterali che si verificano durante la settimana mestruale di una donna. (10) Un recente studio dell’Università iraniana di Isfahan delle Scienze Mediche ha esaminato il funzionamento della riflessologia in contrasto con l’assunzione di ibuprofene per la sindrome premestruale. C’erano due gruppi. Il primo gruppo era il gruppo di controllo, e ogni donna ha ricevuto 400 mg di ibuprofene una volta ogni otto ore. Hanno preso questo dosaggio per una durata di tre giorni per tre mesi del loro ciclo mensile. L’altro gruppo ha avuto 10 sessioni di riflessologia della durata di 40 minuti ciascuna per due cicli mensili consecutivi.

Alla fine della prova, si è scoperto che la riflessologia era in grado di promuovere la guarigione e gestire il dolore. Infatti, la riflessologia è risultata essere “associata a una maggiore riduzione dell’intensità e della durata del dolore mestruale rispetto alla terapia con Ibuprofene”. È anche importante notare che il terzo mese dello studio in cui l’ibuprofene è stato dato al gruppo di controllo ma la riflessologia non è stata eseguita sul gruppo di prova, gli effetti della riflessologia erano continuati in modo che la gestione del dolore della riflessologia non era nemmeno necessaria, e anche se i trattamenti di riflessologia non sono stati eseguiti, quei pazienti si sentivano ancora meglio di quelli che stavano prendendo ibuprofene.

Risolvere la sinusite

L’Università del Wisconsin School of Medicine ha preso 150 adulti che avevano sintomi di infezioni sinusali croniche e ha guardato come un trattamento di riflessologia rispetto a un trattamento di irrigazione nasale. (11) Hanno fatto questo per due settimane. Lo studio ha trovato che “c’era un miglioramento significativo ed equivalente nel punteggio Rhinosinusitis Outcomes Measure 31 dopo 2 settimane di intervento in ogni gruppo di trattamento.” Alla fine, il 35% dei pazienti ha riferito di aver potuto diminuire l’uso dei loro farmaci per il seno grazie ai trattamenti di riflessologia, e il 70% dei partecipanti ha beneficiato complessivamente dei trattamenti di riflessologia.

Supporto al trattamento del cancro

Non è stato dimostrato che le cellule tumorali siano direttamente influenzate dalla riflessologia. Tuttavia, la rivista britannica Nursing Standard ha fatto uno studio controllato che ha trovato che il 100% dei malati di cancro in questo studio ha detto di avere un miglioramento significativo nella qualità della loro vita dopo solo tre trattamenti di riflessologia. Le aree della loro vita che sono state migliorate includevano sonno e minzione, felicità, isolamento, dolore, mobilità, fatica, aspetto, costipazione, diarrea, respirazione, comunicazione, paura del futuro e appetito. (12)

Salute del cuore

È stato ben stabilito che una misura di rischio per le malattie cardiache chiamata sensibilità del riflesso barocettore è stata notevolmente ridotta con l’aiuto della riflessologia. Questi risultati sono stati pubblicati nel 1997 nella rivista Complementary Therapies in Medicine. Abbastanza sorprendentemente, si è scoperto che le aree dei recettori barorecettori del cervello erano direttamente collegate ai punti di pressione sui piedi. Non sappiamo esattamente come la salute del cuore possa essere migliorata dalla riflessologia, ma se accoppiata con altre terapie che riducono il dolore, l’ansia e lo stress, sembrano esserci possibilità illimitate! (13, 14)

Quando si cerca di trovare soluzioni naturali per la salute, a volte la saggezza antica può essere tra le più all’avanguardia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.