Conflitto avvicinamento-evitazione

I conflitti avvicinamento-evitazione si verificano quando c’è un obiettivo o un evento che ha sia effetti positivi che negativi o caratteristiche che rendono l’obiettivo attraente e non attraente contemporaneamente. Per esempio, il matrimonio è una decisione importante che ha sia aspetti positivi che negativi. Gli aspetti positivi, o la parte di avvicinamento, del matrimonio potrebbero essere considerati l’unione, la condivisione dei ricordi e la compagnia, mentre gli aspetti negativi, o le parti da evitare, potrebbero includere considerazioni finanziarie, discussioni e difficoltà con i suoceri. Gli effetti negativi della decisione aiutano a influenzare il decisore a evitare l’obiettivo o l’evento, mentre gli effetti positivi influenzano il decisore a volersi avvicinare o procedere con l’obiettivo o l’evento. L’influenza degli aspetti negativi e positivi crea un conflitto perché il decisore deve procedere verso l’obiettivo o evitare del tutto l’obiettivo. Per esempio, il decisore potrebbe avvicinarsi alla proposta di matrimonio con eccitazione a causa degli aspetti positivi del matrimonio. D’altra parte, lui o lei potrebbe evitare di fare la proposta a causa degli aspetti negativi del matrimonio.

Il decisore potrebbe iniziare ad avvicinarsi all’obiettivo, ma quando la consapevolezza dei fattori negativi aumenta, il desiderio di evitare l’obiettivo può sorgere, producendo indecisione. Se ci sono sentimenti contrastanti verso un obiettivo, il più forte dei due trionferà. Per esempio, se una persona stesse pensando di iniziare un’attività, si troverebbe di fronte ad aspetti positivi e negativi. Prima di iniziare effettivamente l’attività, la persona sarebbe entusiasta delle prospettive di successo del nuovo business e incontrerebbe (si avvicinerebbe) prima gli aspetti positivi: attirerebbe gli investitori, creerebbe interesse nelle sue prossime idee e sarebbe una nuova sfida. Tuttavia, man mano che si avvicinavano al lancio effettivo dell’attività, gli aspetti negativi diventavano più evidenti; la persona riconosceva che avrebbe richiesto molto sforzo, tempo ed energia da altri aspetti della sua vita. L’aumento della forza di questi aspetti negativi (evitamento) li porterebbe ad evitare il conflitto o l’obiettivo di iniziare la nuova attività, il che potrebbe portare all’indecisione. La ricerca relativa ai conflitti di avvicinamento e di evitamento è stata estesa alle motivazioni implicite, sia astratte che di natura sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.