Cosa festeggiano gli Stati Uniti il 4 luglio?

Nella primavera del 1775, dopo più di un decennio di agitazione contro la politica britannica e le prime battaglie della guerra rivoluzionaria, le tredici colonie americane inviarono rappresentanti al primo Congresso Continentale a Filadelfia. Dopo molte discussioni sulla rottura dei legami con la Gran Bretagna, i rappresentanti votarono all’unanimità per l’indipendenza il 2 luglio 1776.

Il giorno dopo, in una lettera a sua moglie, il rappresentante del Massachusetts John Adams disse che la data “dovrebbe essere resa solenne con pompa e parata, con dimostrazioni, giochi, sport, fucili, campane, falò e illuminazioni da un capo all’altro di questo continente da ora e per sempre”. Così, due giorni dopo il suo importante voto, il Congresso Continentale adottò la Dichiarazione d’Indipendenza e ne inviò copie in tutto il paese. La dichiarazione era datata 4 luglio, così la nuova nazione adottò questo giorno come Giorno dell’Indipendenza. Adams aveva ragione su come il popolo americano avrebbe festeggiato. Anche se il nuovo paese lottava per rendere l’indipendenza una realtà, il 4 luglio divenne rapidamente caratterizzato da parate, concerti, pasti e fuochi d’artificio.

La Dichiarazione d’Indipendenza, il documento di fondazione degli Stati Uniti, inizia con una serie di grandi “verità evidenti” che i membri del Congresso Continentale e i firmatari del documento hanno sposato, queste sono:

Tutti gli uomini sono uguali; che essi sono dotati dal loro Creatore di alcuni diritti inalienabili; che tra questi ci sono la vita, la libertà e la ricerca della felicità; che per assicurare questi diritti, i governi sono istituiti tra gli uomini, derivando i loro legittimi poteri dal consenso dei governati; Che ogni volta che una qualsiasi forma di governo diventa distruttiva di questi principi, è diritto del popolo riformarla o abolirla, e istituire un nuovo governo fondato su questi principi, e organizzare i propri poteri nella forma che riterrà più probabile per assicurare la propria sicurezza e felicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.