Delta Burke

Inizio carrieraModifica

Nel 1974, come parte della vittoria di Miss Florida, Burke apparve nello show della ABC-TV Bozo the Clown, girato a Orlando, Florida. Ha lavorato come assistente magico di Herbert L. Becker. I due lavorarono insieme per sei mesi.

Nel 1980, Burke interpretò il ruolo della seconda Bonnie Sue Chisholm nella miniserie western della CBS, The Chisholms. Burke ha trascorso un anno in Filthy Rich nel 1982 interpretando la giovane vedova astuta, Kathleen Beck. Dopo di che, ha interpretato la proprietaria della squadra di calcio femminile Diane Barrow in 1st & Ten dal 1984 al 1986.

Designing WomenEdit

Nel 1986, Burke è stato lanciato come Suzanne Sugarbaker nella sitcom CBS Designing Women; ha lasciato 1st and Ten per apparire nello show. Designing Women è stato creato da Linda Bloodworth-Thomason, che aveva precedentemente lanciato Burke nel suo show Filthy Rich. Lo show era ambientato in una ditta di design d’interni ad Atlanta guidata da quattro donne, e la Burke era una delle quattro protagoniste dello show. (Dixie Carter, un’altra delle protagoniste, era stata l’attrice principale in Filthy Rich). Lo show ha lottato negli ascolti, ed è stato anche brevemente cancellato dopo il suo primo anno, ma nel 1989 ha iniziato a ottenere ascolti rispettabili dopo essere stato accoppiato con la sitcom Murphy Brown. Burke divenne la star dello show, e si guadagnò due nomination consecutive al Primetime Emmy Award per l’Outstanding Lead Actress in a Comedy Series nel 1990 e nel 1991; fu l’unico membro femminile del cast principale dello show ad essere nominato. (Alice Ghostley ricevette una nomination come attrice non protagonista in una commedia nel 1992, per il suo ruolo ricorrente di Bernice Clifton, mentre Meshach Taylor ne ricevette una nel 1989 come attore non protagonista in una serie comica.)

Nel 1990, Burke espresse pubblicamente insoddisfazione per lo show in un’intervista televisiva con Barbara Walters e altri media. Ha sostenuto su Entertainment Tonight che c’era una disputa di lavoro, e gli attori erano spesso costretti a lavorare più di 15 ore al giorno, con i dirigenti che addirittura bloccavano le porte e tenevano gli attori sul set. Ha anche detto che Dixie Carter, che una volta era stata sua cara amica e damigella d’onore al suo matrimonio con Gerald McRaney, non le parlava perché la Carter si era schierata con i suoi capi. Alla fine della quinta stagione di Designing Women nel 1991, Burke è stato licenziato dallo spettacolo a causa delle sue relazioni controverse con Carter e il Thomasons.

1990sEdit

Burke è stato dato il suo veicolo proprio con la sitcom Delta nel 1992, in cui ha interpretato un aspirante cantante di musica country. Si è tinta i capelli biondi per il ruolo. Quando gli ascolti crollarono, Burke divenne di nuovo bruna. La serie fu cancellata dopo una stagione. Nel 1995, lei e Linda Bloodworth Thomason riconciliarono le loro differenze, e Burke tornò come Suzanne Sugarbaker nello spinoff Designing Women of the House (1995), ma anche quello spettacolo incontrò una fine precoce.

C’è voluto più di un decennio per Burke e Carter per riconciliarsi, ma lo hanno fatto quando Burke guest-starred in un episodio di Family Law, su cui Carter era un membro regolare del cast.

Peso issuesEdit

Dai primi anni 1990, il peso di Burke è stato un argomento di discussione nella stampa tabloid. Le sue lotte con il peso, la depressione e i disordini alimentari risalgono ai suoi giorni di concorso nei primi anni ’70. È diventata una figura molto parodiata nella stampa a causa dell’incessante ossessione dei media per il suo peso, anche in una scenetta al Saturday Night Live, dove Leon Phelps di The Ladies Man ha una fissazione sessuale con lei. Nel 1989, Burke chiese a Thomason di scrivere un episodio che affrontasse il suo peso. L’episodio, “They Shoot Fat Women, Don’t They?”, aveva Suzanne Sugarbaker che andava alla sua riunione di 15 anni di scuola superiore e aveva i suoi sentimenti feriti dopo aver sentito commenti denigratori sul suo peso. La sua performance in questo episodio è detto di averla portato a ricevere la sua prima nomination agli Emmy come migliore attrice.

Più tardi careerEdit

Burke è stata un’attrice protagonista in una serie di film per la televisione, e aveva un ruolo di supporto nel film di Mel Gibson What Women Want (2000).

Nei primi anni 2000, è stata co-protagonista con David Alan Grier nella sitcom DAG; aveva perso molto del suo peso in eccesso per il ruolo dopo la diagnosi di diabete.

Burke ha fatto il suo debutto a Broadway nel settembre 2003, quando ha interpretato la signora Meers nel musical Thoroughly Modern Millie. Era la terza attrice ad interpretare il ruolo nella produzione, dopo Harriet Harris e Terry Burrell. Ha interpretato il ruolo fino al febbraio 2004, prima di essere succeduta dalla sua co-star di Designing Women, Dixie Carter. Burke ha poi giocato il ruolo di Truvy nella produzione originale di Broadway di Magnolie d’acciaio, giocando il ruolo per l’intero spettacoli quattro mesi di esecuzione dal 4 aprile – 31 luglio 2005.

Nel 2002, si riunì sullo schermo con Carter in un’apparizione ospite sulla Carter serie Family Law.

Ha anche interpretato Bella Horowitz durante un arco di cinque episodi su Boston Legal come una ex fiamma del personaggio di William Shatner, Denny Crane, nella terza stagione.

Burke è apparso in un film Hallmark Channel, Febbre da sposa, che è andato in onda 2 febbraio 2008.

Nel marzo 2012, Burke è stato lanciato nella commedia ABC pilota Cultura Counter. Tuttavia, dopo Burke è caduto sul set, la produzione del pilota è stato sospeso e non è stato preso a serie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.