En-Gedi Resource Center

di Lois Tverberg

(Adamo) disse: “Questa è ora osso delle mie ossa e carne della mia carne; sarà chiamata Donna (ishah), perché è stata tratta dall’Uomo (ish)”. Per questo l’uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e diventeranno una sola carne. (Genesi 2:23-24)

La storia della creazione ha molte cose profonde da dire sull’intenzione di Dio per la nostra vita. Possiamo arricchirci semplicemente guardando da vicino le parole ebraiche che sono usate per descrivere il primo uomo Adamo, e poi la creazione dell’uomo e della donna.

Può sorprendere i lettori inglesi che la parola adam è un termine neutro che significa “umano”, non specificamente un uomo. Nel testo originale ebraico, tutti i riferimenti ad Adamo sono neutri fino a quando Dio prende un po’ della carne di Adamo e crea una donna: ishah, in ebraico. Solo a quel punto Adamo è chiamato ish, un uomo. La parola ebraica ishah allude alla sua origine dall’interno della ish, qualcosa che possiamo imitare in inglese, con le parole “man” e “woman”. Ma è interessante notare che Adamo non viene mai chiamato ishah finché l’ishah non è stata separata da lui. È come se il testo implicasse che il maschio e la femmina non possono definirsi pienamente umani senza l’altro.

Possiamo non renderci conto che questa logica fa parte del versetto successivo che dice che per questo motivo, quando un uomo e una donna si sposano, diventano “uno”. Stanno tornando al primo disegno di Dio prima che la ish e la ishah fossero separate. La complementarità tra l’uomo e la donna è inerente al modo in cui sono stati separati l’uno dall’altra, poiché la prima ishah fornisce ciò che manca alla ish. Nel disegno di Dio, sono i due insieme che alla fine riflettono l’immagine di Dio.

~~~~

Altra lettura:

Vedi Listening to the Language of the Bible, di Lois Tverberg e Bruce Okkema, En-Gedi Resource Center, 2004. Questa è una raccolta di saggi devozionali che mediano sul significato delle parole e delle frasi bibliche nel loro contesto originale.

Per un amichevole studio biblico di cinque gustose parole ebraiche, vedi 5 Hebrew Words that Every Christian Should Know, di Lois Tverberg, OurRabbiJesus.com, 2014 (ebook).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.