Il pinguino “mostro” appena scoperto era alto come un umano adulto

I pesci hanno nuotato per le loro vite quando hanno incontrato un proibitivo, antico pinguino “mostro” che avrebbe sovrastato il più grande pinguino di oggi, l’imperatore, un nuovo studio trova.

La bestia acquatica appena descritta, soprannominata Crossvallia waiparensis, misurava 5 piedi, 3 pollici (1,6 metri), circa l’altezza di una donna adulta. Pesava fino a 176 libbre. (80 chilogrammi), accumulando i chili mentre cacciava prede acquatiche intorno all’antica Nuova Zelanda durante il Paleocene, da 66 milioni a 56 milioni di anni fa.

Ma mentre questa nuova specie scoperta era enorme, non è il più grande pinguino sui record. Questo onore va al Palaeeudyptes klekowskii di 37 milioni di anni fa, che era alto ben 6,5 piedi (2 m) e pesava 250 libbre. (115 kg).

Related: Foto: Questi animali erano giganti

Paleontologo dilettante e co-ricercatore dello studio Leigh Love ha trovato le ossa delle gambe fossilizzate del pinguino ritrovato nella città di Waipara, situata a Canterbury, Nuova Zelanda. Questa regione è un hotspot di animali giganti e antichi. Altre creature gigantesche, ma ora estinte, scoperte lì includono il pappagallo più grande del mondo, un’aquila gigante, un pipistrello gigante scavatore, il moa (un uccello gigante senza volo) e altre cinque specie di pinguini.

Il pinguino imperatore (Aptenodytes forsteri) era un gambero rispetto a C. waiparensis. L’uccello moderno è alto tra i 3 e i 3,9 piedi (0,9 e 1,2 m). Ma l’imperatore è solo un lontano parente della creatura appena identificata. Il parente più vicino conosciuto di C. waiparensis è Crossvallia unienwillia, che viveva anche durante il Paleocene ma nella Cross Valley, in Antartide. Anche se le masse terrestri sono separate oggi, la Nuova Zelanda e l’Antartide erano collegate durante il Paleocene, hanno detto i ricercatori.

“Quando le specie Crossvallia erano vive, la Nuova Zelanda e l’Antartide erano molto diverse da oggi – l’Antartide era coperta di foreste ed entrambi avevano climi molto più caldi”, ha detto il ricercatore senior dello studio Paul Scofield, il curatore senior di Storia Naturale al Museo di Canterbury in Nuova Zelanda, in una dichiarazione.

Inoltre, le ossa delle gambe di entrambi i pinguini Crossvallia sono molto diverse da quelle dei pinguini moderni. Gli studi anatomici suggeriscono che i Crossvalia o usavano i loro piedi più nel nuoto rispetto ai pinguini moderni, o che gli antichi uccelli non si erano ancora adattati alla posizione eretta, come fanno i pinguini di oggi.

I ricercatori dello studio Vanesa De Pietri, Paul Scofield e Gerald Mayr guardano un fossile di Crossvallia waiparensis al Canterbury Museum in Nuova Zelanda. (Image credit: Canterbury Museum CC BY NC)

La scoperta di C. waiparensis e di altri grandi pinguini risalenti al Paleocene offre ulteriori prove che i pinguini sono diventati enormi poco dopo l’estinzione dei dinosauri nonaviani circa 66 milioni di anni fa, ha detto il co-ricercatore dello studio Vanesa De Pietri, un curatore di ricerca di Storia Naturale al Museo Canterbury, nella dichiarazione.

Non c’è da meravigliarsi, anche, come essere grande ha enormi vantaggi per gli uccelli marini, ha detto Daniel Ksepka, un curatore presso il Bruce Museum di Greenwich, Connecticut, che non è stato coinvolto nella ricerca.

“In generale, più grande un animale diventa, più efficiente diventano a conservare il calore del corpo (molto importante nei pinguini) e le immersioni più profonde e per periodi di tempo più lunghi,” Ksepka ha detto Live Science in una e-mail. “Le grandi dimensioni aprono anche nuove opzioni di preda e li proteggono dai predatori più piccoli”.”

Perché i pinguini di oggi sono più piccoli? Non è del tutto chiaro, ma la buona, vecchia competizione per le prede e il territorio potrebbe in parte spiegare perché i pinguini non sono più i colossi che erano una volta.

Related: 15 dei più grandi animali del loro genere sulla Terra

“I paleontologi stanno ancora lavorando su questa domanda, ma un grande fattore potrebbe essere l’aumento dei pinnipedi (foche e simili), che iniziano a diffondersi negli oceani circa nello stesso periodo in cui i pinguini giganti iniziano a scomparire”, ha detto Ksepka. “Possono essersi scontrati con i pinguini non solo come predatori e concorrenti per prede simili, ma anche monopolizzare i terreni di riproduzione necessari per le colonie di nidificazione.”

Il nuovo studio è stato pubblicato online il 12 agosto sulla rivista Alcheringa: An Australasian Journal of Palaeontology. I fossili dell’antico uccello, così come quelli di altri pinguini giganti, saranno esposti al Canterbury Museum alla fine di quest’anno.

  • In foto: La bellissima ed estrema stagione riproduttiva del pinguino imperatore
  • Foto di uccelli senza volo: Tutte le 18 specie di pinguini
  • Foto di pulcini affascinanti: Antarctica’s Baby Penguins

Originariamente pubblicato su Live Science.

Recenti notizie

{{ articleName }}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.