Il presidente John F. Kennedy è nato in questo giorno 103 anni fa

Il presidente John F. Kennedy, assassinato meno di tre anni dopo il suo insediamento, è nato il 29 maggio 1917. Oggi sarebbe il suo 103° compleanno.

Kennedy iniziò il suo mandato come 35° presidente degli Stati Uniti nel gennaio 1961.

Morì il 22 novembre 1963, dopo essere stato colpito mentre era a Dallas, Texas.

Kennedy e sua moglie, Jacqueline, stavano viaggiando in un corteo dall’aeroporto diretto a un pranzo dove era previsto un suo discorso. Erano accompagnati dal governatore del Texas John Connally e da sua moglie, Nellie.

JFK e Connally furono colpiti mentre l’auto passava davanti al Texas School Book Depository.

L’auto sfrecciò fino al Parkland Memorial Hospital dove JFK fu dichiarato morto alle 13. Il suo corpo fu portato all’Air Force One dove, prima del decollo dell’aereo, Lyndon B. Johnson prestò giuramento alle 14:38.

Connally fu gravemente ferito e fu sottoposto a un intervento chirurgico per ferite alla schiena, al petto, al polso e alla coscia, secondo history.com.

Kennedy e Connally furono colpiti da Lee Harvey Oswald che fu arrestato per aver sparato all’agente di polizia di Dallas J.D. Tippit circa 45 minuti dopo lo sparo a Kennedy. Oswald fu ucciso due giorni dopo dall’ex proprietario di un nightclub di Dallas, Jack Ruby.

Kennedy aveva visitato due volte Harrisburg.

Nel 1960 era nella zona per fare campagna elettorale mentre era in corsa per la presidenza.

L’Evening News riportò il 16 settembre 1960 che più di 9.000 persone parteciparono a una cena con Kennedy alla Moschea Zembo Shrine e alla Cattedrale di rito scozzese. Furono montate delle tende sul prato per accogliere la folla.

In quella visita, Kennedy si fermò a Harrisburg, Lebanon, Reading, Lancaster, Columbia e York prima di dirigersi a Baltimora.

Il giornale disse che ricevette “un’accoglienza entusiasmante.”

I suoi discorsi a Market Square furono brevi – solo 4 minuti. Ed era in ritardo di 65 minuti. Gli impiegati statali erano stati rilasciati in anticipo per poter ascoltare il suo discorso.

Il senatore John F. Kennedy alla Moschea Zembo e alla Cattedrale di rito scozzese il 15 settembre 1960, dove il candidato democratico alla presidenza ha tenuto un discorso davanti a 9.000 persone che è stato anche trasmesso in televisione, Kennedy visita i sostenitori nelle tende nel parcheggio della Moschea Zembo a Harrisburg. (Archivio The Patriot-News)

La folla a Reading fu stimata tra le 20.000 e le 30.000 persone.

“L’accoglienza a Reading fu così entusiasta che la camicia del senatore del Massachusetts fu strappata nella folla che brulicava sul suo corteo.

Kennedy si fermò in una stazione di servizio fuori Reading e andò nel cottage del proprietario dietro la stazione per cambiarsi la camicia.”

Nel 1962, dopo essere stato eletto presidente, fece qui la campagna per altri. Kennedy fu accolto ovunque andasse da folle entusiaste.

La sua visita del 1962 includeva un discorso alla Farm Show Arena per 10.000 persone.

Il suo discorso lì fu interrotto 19 volte, secondo il rapporto del giornale, da “applausi fragorosi”. Alla fine del suo discorso, che durò meno di 20 minuti, il boato tumultuoso fu più grande che mai. Kennedy ha iniziato l’applauso in anticipo con un’osservazione introduttiva: ‘Mi presento. Sono il fratello di Teddy Kennedy”.”

  • “I proiettili rimbalzavano sui muri”: Il 50° anniversario della sparatoria mortale alla Kent State.
  • “L’eruzione decapita St: Il 40° anniversario del giorno in cui il monte St. Helens esplose.
  • Un ex maggiordomo della Casa Bianca che ha servito 11 presidenti è morto recentemente di coronavirus.

Il sen. John F. Kennedy parla vicino al ristorante The Spot in Market Square, Harrisburg, 15 settembre 1960. (Archivio Allied Pix presso la Historical Society of Dauphin County)

Grazie per aver visitato PennLive. Il giornalismo locale di qualità non è mai stato così importante. Abbiamo bisogno del tuo sostegno. Non sei ancora abbonato? Considera di sostenere il nostro lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.