La guida completa alla visualizzazione per persone logiche e razionali

“Se lo sogni, lo puoi diventare”. – William Arthur Ward

Per anni, ho sgranato gli occhi di fronte alla tendenza Pollyanna di questa comune frase motivazionale.

Certo, mi ero dilettato a creare lavagne delle visioni (e avevo una pila di riviste tagliate a metà per provarlo), ma la prospettiva di provare a visualizzare il mio successo nella realtà mi sembrava troppo New Age per i miei gusti. Inoltre, fissare le foto glamour e le immagini di successo dalle riviste spesso suscitava sentimenti di inadeguatezza, che certamente non mi ispirava a raggiungere i miei obiettivi.

Il mio scetticismo è cambiato quando ho imparato di più sulla scienza dietro la visualizzazione e su come usarla efficacemente.

Ora, come coach, aiuto i clienti a colmare il divario tra dove sono ora e dove vogliono essere – e trovo che l’immaginazione mentale è una componente critica per aiutarli a raggiungere il successo.

In generale, la visualizzazione significa creare un’immagine mentale di un obiettivo che si vorrebbe realizzare in futuro. Usate i vostri pensieri per immaginare un certo risultato e ciò che farete per ottenerlo.

Nonostante la credenza popolare, visualizzare non significa desiderare e sperare che qualcosa accada. Quella è fantasia. Una visualizzazione efficace è orientata al futuro, ma è radicata nella realtà.

Molte persone di successo – come Oprah, Jim Carey e Will Smith, tra gli altri – attribuiscono la visualizzazione come parte del loro successo. Infatti, è uno strumento su cui molti performer fanno affidamento per raggiungere altezze epiche. atleti d’élite utilizzano tecniche come immagini guidate e scripting nel loro allenamento per fare tutto da simulare la pratica, per superare la paura e anche recuperare da un infortunio.

Emily Cook, sciatore olimpico freestyle, ha parlato con New York Times sport reporter Christopher Clarey su come è stato utilizzato visualizzazione per rimbalzare indietro dopo una pausa di due anni a causa di lesioni:

“Vorrei dire nel registratore: ‘Sono in piedi in cima alla collina. Posso sentire il vento sulla nuca. Posso sentire la folla… passando attraverso tutti questi diversi sensi e poi effettivamente passando attraverso quello che volevo fare per il salto perfetto. Abbasso l’in-run. Mi alzo in piedi. Impegno il mio core. Guardo la parte superiore del salto. Passavo attraverso ogni piccolo passo di come volevo che quel salto venisse fuori….

Non penso che potrei mai fare un salto, o specialmente un nuovo trick, senza avere questo processo di immaginazione… Per me, questo è così fondamentale per l’atleta che sono diventato.”

Anche tu puoi usare la visualizzazione per migliorare la tua capacità di raggiungere i tuoi obiettivi.

I vantaggi di sognare in grande

Gli psicologi dello sport dicono che la visualizzazione è efficace per migliorare le prestazioni atletiche, il pensiero creativo e la forza. È stata associata a numerosi benefici, tra cui migliorare la fiducia, il coraggio, la resilienza, la memoria e il richiamo, l’attenzione, la concentrazione e la regolazione dell’energia. Inoltre, è stato dimostrato che aumenta le prestazioni in una vasta gamma di professioni – aiutando i medici ad evitare errori, gli agenti di polizia ad abbassare i livelli di stress, e aiutando i musicisti a suonare più velocemente e con più precisione. La ricerca suggerisce anche che la visualizzazione può innescare il flusso psicologico – uno stato associato al picco delle prestazioni.

Nonostante questi risultati, molti di noi non usano la visualizzazione abbastanza – o per niente. O siamo così presi dalla preoccupazione che sognare il futuro ci sembra un’indulgenza. Oppure, se siete come me, avete evitato la pratica o l’avete liquidata come non scientifica. Se questo è il caso, allora si può perdere i molti benefici potenti visualizzazione ha.

Per esempio, gli psicologi raccomandano la visualizzazione come una tecnica potente per:

  • Padroneggiare una nuova abilità
  • Raggiungere obiettivi difficili
  • Diventare più sicuro e in controllo
  • Calmarsi quando ci si sente ansiosi o stressati
  • Fare brainstorming di possibili piani e strategie

La scienza della visualizzazione

Quanto più impariamo sul cervello, stiamo scoprendo che la mente non può distinguere tra immaginazione e realtà. Quando hai un pensiero, questo innesca la stessa cascata di sostanze neurochimiche, indipendentemente dal fatto che tu stia pensando al passato, al presente o al futuro. Il tuo cervello è stimolato allo stesso modo sia che tu stia eseguendo fisicamente un’azione o semplicemente visualizzandola nella tua mente.

Quando pensi a te stesso che fai una presentazione perfetta o che provi un’ondata di orgoglio dopo aver finito un grande progetto, il tuo corpo e il tuo cervello lo percepiscono come reale nel momento presente, anche se è un obiettivo lontano.

Le sostanze neurochimiche stimolate continuano a influenzare il tuo controllo motorio, l’attenzione e la pianificazione, che ti spronano ad agire. Poiché i neuroni che sparano insieme si collegano tra loro, questo processo di immaginare risultati futuri crea nuove reti neurali nel tuo cervello che ti aiutano a formare nuove convinzioni, intraprendere nuove azioni e adottare nuove prospettive. Si inizia a vedere il mondo in modo diverso, e quindi, agire in nuovi modi per raggiungere i vostri grandi obiettivi.

In particolare, la visualizzazione stimola un’area del cervello chiamata Sistema di attivazione reticolare, che, in parole povere, scansiona il vostro ambiente alla ricerca di nuove opportunità. Ecco perché quando si inizia a pensare di ottenere un nuovo lavoro o di voler conquistare un nuovo cliente, improvvisamente nuove opportunità si presentano. Il tuo cervello sta scansionando per loro. Poi, agisci sulle nuove opzioni disponibili e sulle soluzioni creative che sei in grado di vedere.

La visualizzazione non deve essere limitata ai risultati. Visualizzare se stessi facendo il lavoro per raggiungere un obiettivo può essere una forma efficace di prova. Per esempio, uno scrittore può visualizzare di sedersi a scrivere per un’ora ogni mattina come un modo per aumentare le sue prestazioni su quell’abitudine. Come uno sciatore che visualizza l’impegno del suo nucleo, visualizzare il lavoro che va nella scrittura di un libro può essere importante – o anche di più – come tenere in mano il cartonato finito.

Chiavi per un’immaginazione efficace

Ci sono alcune componenti fondamentali per ogni visualizzazione di successo:

Scegli un obiettivo che sia chiaro e misurabile.

Di solito inizio questo processo chiedendo ai clienti: “Chi vuoi essere? Cosa vuoi fare? Come vuoi sentirti?”. Poi, collego la visione ad obiettivi specifici.

Se sogni mattine passate tranquillamente a scrivere, allora scegli uno specifico orario di sveglia a cui mirare. Dopo di che, decidi esattamente quanto tempo vuoi dedicare alla scrittura prima di andare al lavoro, per esempio. Diventare specifici sul futuro che vuoi creare ti aiuterà a creare un’immagine mentale più forte.

Immaginalo in dettaglio.

Immagina te stesso mentre esegui – e raggiungi – il tuo obiettivo passo dopo passo nel modo più vivido possibile. Dove sei? Cosa indosserai, per esempio?

Attiva tutti i tuoi sensi.

Quali odori, viste e suoni ci sono intorno a te?

Pensa al pavimento sotto i tuoi piedi mentre finisci quella corsa di 10 km. Senti il tintinnio dei bicchieri mentre fai un grande discorso.

Scrivi come un copione

Rafforza la tua visione scrivendola. Le persone che mettono su carta i loro obiettivi hanno molte più probabilità di realizzarli.

Ricorda il copione sciistico di Emily Cook. Scrivi la tua visualizzazione e registra l’audio. Ascoltarlo più volte codificherà le parole e le immagini nel vostro cervello.

Sintetizzare l’esperienza usando più sensi aiuta ad attivare diverse aree del cervello, rendendo la visualizzazione più potente – e migliori risultati.

Siate adattabili.

Quando iniziate a pensare al futuro, sorgeranno inevitabilmente preoccupazioni. Tutti quei “e se”, le paure e le ansie saliranno in superficie. Quando lo fanno, usatele come strumenti per rendere la vostra visione più flessibile. Queste sono chiamate “intenzioni di attuazione”.

Pensate alle barriere che potreste incontrare, sia interne (fiducia, energia, ecc.) che esterne (tempo, denaro, ecc.). Poi, visualizza come risponderai ad ogni blocco stradale.

Ecco un esempio: Sono terribilmente scoordinato e ho paura di inciampare su me stesso sul palco quando parlo. Invece di lasciare che questo pensiero mi trattenga, visualizzo lo scenario peggiore in assoluto (cadere sulla faccia) e quello che farei in realtà se questo accadesse (tirarmi su e fare una battuta su questo). Cammino mentalmente attraverso esattamente quello che direi – anche come respirerei per diminuire il panico.

Si può usare una struttura “Se-allora” per lavorare attraverso questi scenari: “Se cado di faccia, mi rialzo e ci scherzo su” o “Se il telefono suona durante la mia ora di scrittura, lo ignoro e controllo i messaggi più tardi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.