L’epidemia di Chipotle che ha ammalato quasi 650 persone è stata causata da questo batterio

La fonte dell’epidemia che ha ammalato quasi 650 persone in un Chipotle in Ohio il mese scorso è stata identificata.

I campioni di utensili prelevati dai clienti malati sono risultati positivi al Clostridium perfringens, un batterio che può causare intossicazione alimentare quando il cibo viene conservato a temperature non sicure, secondo il Delaware General Health District, il dipartimento di salute pubblica di Delaware, Ohio.

Anche se la cottura uccide le cellule di C. perfringens, non necessariamente uccide le spore batteriche che possono crescere in nuove cellule, secondo il Dipartimento della Salute degli Stati Uniti &Servizi Umani (HHS). Ciò significa che se il cibo viene lasciato fuori per troppo tempo, o non è refrigerato, le spore possono crescere e produrre nuove cellule, che possono portare alla malattia quando il cibo viene mangiato. Infatti, i batteri C. perfringens prosperano a temperature comprese tra 40 e 140 gradi Fahrenheit (da 4 a 60 gradi Celsius), un intervallo che è spesso chiamato “zona di pericolo”, perché non è troppo caldo, o troppo freddo, per i batteri a crescere.

Le malattie da C. perfringens spesso si verificano quando gli alimenti sono preparati in grandi quantità e sono poi tenuti caldi per lungo tempo prima di servire, ha detto HHS.

In Ohio, i funzionari sanitari hanno identificato 647 persone che si sono ammalate dopo aver mangiato in un Chipotle nella città di Powell tra il 26 luglio e 30 luglio. I clienti hanno riportato sintomi come vomito, diarrea e dolori di stomaco, secondo Business Insider.

Un’ispezione del ristorante ha trovato che alcuni alimenti non erano tenuti a temperature adeguate. Per esempio, i fagioli non erano tenuti a una temperatura abbastanza calda e la lattuga non era adeguatamente raffreddata, ha riferito Business Insider.

In risposta all’epidemia, la leadership di Chipotle “sarà riqualificare tutti i dipendenti del ristorante a livello nazionale a partire dalla prossima settimana sulla sicurezza alimentare e i protocolli di benessere”, ha detto Brian Niccol, CEO di Chipotle, in una dichiarazione. “Per garantire un’esecuzione coerente della sicurezza alimentare, aggiungeremo alle nostre routine quotidiane di sicurezza alimentare una ricorrente ‘valutazione della conoscenza dei dipendenti’ dei nostri rigorosi standard di sicurezza alimentare.”

Articolo originale su Live Science.

Recenti notizie

{{ articleName }}

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.