Noah and all the Animals

Una storia che catturerà l’attenzione e il cuore dei bambini!
Per ulteriori idee e tecniche per migliorare la narrazione di una storia, clicca qui

TOPICS:

Animali, Ascolto, Noè, Obbedienza, Protezione

MATERIALI:

Animali in miniatura di plastica
Facce di Mr. e la signora Noah Clicca qui

DURATA:

Circa 10 minuti
C’era una volta un vecchio che aveva una barba molto lunga. Era l’unica persona gentile in tutto il quartiere. Adorava e obbediva sempre a Dio. Poi un giorno, Dio gli parlò.

“Noè, sai cosa? Sono stanco che tutti i tuoi vicini siano così egoisti e meschini. Non sanno nemmeno come condividere o prendersi cura di altre persone che sono povere. Pensano solo a se stessi tutto il tempo. Ti dico una cosa. Vorrei che tu avessi un nuovo quartiere, e questo è quello che farò. Vi porterò in un nuovo posto in un’arca, perché mi piacete. Farò piovere per quaranta giorni e quaranta notti. Ci sarà un grande diluvio, ma tu, la tua famiglia e tutti gli animali sarete al sicuro.”

Noè rimase sorpreso e chiese: “Cos’è un’arca?”

Dio rispose: “È come una barca, ma molto grande. Dovrai costruirla tu. (Mentre leggi la prossima riga, fai dei lunghi passi da un lato all’altro della stanza) Deve essere larga e lunga così (poi salta e allunga il braccio verso il soffitto) e alta così. Devi anche costruirla con un legno molto speciale. E devi farlo subito!”

“Ma come faremo a vivere in un grande diluvio? Chiese la signora Noè.

Noè disse: “Va bene. Costruirò un’arca così la nostra famiglia e tutti gli animali saranno al sicuro. Quindi sbrigati a fare tutti i preparativi”.

La signora Noè chiese: “Cos’è un’arca?”

“Saprai cos’è quando sarà finita”, rispose Noè.

E così Noè costruì la sua arca. Era così lunga, così larga e così alta. Aveva una finestra e una grande porta enorme. Tutti i suoi vicini ridevano di lui. “Cos’è quella cosa stupida che Noè sta costruendo?”, chiedevano. “Sembra enorme, e come una barca, ma non ci sono oceani o fiumi in vista. Non c’è acqua da nessuna parte”. E continuavano a ridere.

Noè finalmente finì l’arca e appena lo fece, le nuvole iniziarono a coprire il sole. Sentì di nuovo la voce di Dio: “Noè, è ora di andare!”

Così Noè raccolse gli animali, due cani, due gatti, due leoni e due topi. Radunò due tigri, due orsi, due di ogni animale in vista. Dopo che tutti furono entrati, Dio chiuse la porta.

Dentro la barca, la famiglia di Noè poteva vedere come il cielo diventava sempre più scuro. Divenne spaventoso e silenzioso. Poi, Noè lo sentì. Una goccia, poi una seconda goccia, poi una terza, poi un’altra e un’altra ancora, e venivano sempre più velocemente, e più grandi e più forti. Dopo alcuni minuti, divenne un’enorme tempesta. La terra asciutta cominciò a inzupparsi d’acqua. Pioveva e pioveva senza fermarsi. Dopo due giorni di pioggia, l’arca cominciò a galleggiare e la pioggia continuava a cadere. Presto l’arca si trovò nel mezzo di un grande oceano. Piovve sempre di più senza fermarsi, per quaranta giorni e quaranta notti. Proprio come Dio aveva detto.

Poi, improvvisamente, smise! Il sole cominciò a splendere, così Noè mandò fuori un corvo, ma questo volò avanti e indietro finché l’acqua non si asciugò. Aspettò ancora qualche giorno e mandò una colomba. La colomba non riuscì a trovare terra asciutta e tornò all’Arca. Sette giorni dopo, Noè mandò di nuovo la colomba fuori, questa volta tornò con una foglia nel becco. Poi mandò di nuovo la colomba fuori. Noè aspettò per molti giorni, ma la colomba non tornò più.

“Wow, la tempesta deve essere davvero finita! gridò Noè. “Penso che ora sia sicuro uscire”

“Finalmente”, gridò uno dei figli di Noè, “Gli animali stanno cominciando a puzzare il posto”

“Va bene allora, apriamo la porta e usciamo”

Noè, la sua famiglia e tutti gli animali uscirono dall’arca sulla terra ferma. Non c’era nessun altro in giro. Allora Noè si rese conto: “Allora questo è il nuovo quartiere di cui parlava Dio”. Aveva molto lavoro da fare.

“Sarà meglio iniziare”, disse la signora Noè.

“Sì, ma prima di tutto”, disse Noè, “dobbiamo dare a Dio un’offerta per mostrargli quanto siamo grati per averci salvato dal diluvio”. Così Noè fece un’offerta a Dio, e Dio fu molto, molto contento di lui.

FINE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.