Perché gli animali hanno la coda?

Ci sono molte ragioni per cui molti animali hanno una coda, cioè una proiezione sottile che si estende oltre il tronco del corpo. Una risposta è che una coda di qualche tipo ha aiutato diversi tipi di animali – un insetto, un pesce, una lucertola, un mammifero, ecc – a sopravvivere abbastanza a lungo per riprodursi con successo. Suppongo che invocare la selezione naturale come risposta sia abbastanza prevedibile qui, ma è proprio vero. Le code servono a scopi diversi per diversi gruppi di animali, e gli animali con la coda hanno evoluto strutture e comportamenti per massimizzare questa parte del loro corpo.

Per esempio, le code degli insetti servono come pungiglioni, distributori di armi chimiche, depositari di uova, fruste, stabilizzatori di volo e altre strutture. Nei vertebrati, le code sono progettate principalmente per la locomozione e l’equilibrio. Per esempio, le code dei pesci e dei coccodrilli spazzano avanti e indietro per spingere questi animali in avanti nell’acqua. Le code servono anche come depositi di energia e parti usa e getta: gli skink e molte altre specie di lucertole possono rilasciare volontariamente la loro coda quando un predatore la mastica; e questi animali possono rigenerare le loro code in seguito. I più grandi dinosauri sauropodi (cioè quelli che camminavano su quattro gambe) avevano lunghe code per bilanciare il peso dei loro lunghi colli. Le code degli uccelli lavorano insieme alle ali per aiutare questi animali a non cadere dal cielo, e le piume colorate della coda dei maschi di uccelli del paradiso, tacchini, pavoni e altri aiutano ad attrarre le femmine. Alcuni mammiferi, come gli scoiattoli e alcune scimmie, usano la coda come un arto di presa per manovrare tra gli alberi.

Gli esseri umani (e molti dei nostri antenati), tuttavia, non hanno la coda, e questa è anche una funzione della selezione naturale. Vedi la risposta alla domanda: “Perché gli esseri umani non hanno la coda?” qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.