Un nodulo nero sul mio cane, e non è una zecca – Cos’è il Papilloma Virale

Così stai pulendo il tuo cane dopo una passeggiata o semplicemente accarezzandolo mentre guardi la TV, la tua mano sfiora il pelo del tuo cucciolo e poi lo senti. Un nodulo sul cane.

Un nodulo sul cane che non doveva essere lì

Donna ha avuto il suo primo nodulo l’anno scorso. La prima volta che l’ho sentito era il 10 gennaio 2017. Ricordo esattamente la data perché ho fatto delle foto e le ho mandate agli amici.

“Cos’è questo? Ti sembra una zecca?”. Ho mandato un messaggio.

La foto mostra un nodulo nero all’interno della gamba posteriore del mio cane. All’inizio, quando l’ho sentito, ho pensato che potesse essere una zecca. Ma vedendo come c’è il pelo che spunta ai lati del nodulo, ho pensato che potrebbe non essere una zecca.

C’è stato un sacco di avanti e indietro sul testo, ma ancora, non potevo essere certo.

Così nel mezzo della notte, abbiamo trascinato il cane dal veterinario. Era affollata la United Veterinary Clinic. Così abbiamo chiesto a una delle assistenti di dare un’occhiata alla “zecca” nell’interno della coscia sinistra.

“Non è una zecca. È un nodulo”, mi ha informato.

Non ero sicuro del perché al mio cane stesse improvvisamente crescendo un nodulo. Ma dato che il veterinario era molto affollato e non era il nostro solito veterinario, ho ascoltato il consiglio dell’assistente di portare Donna a casa. Mi ha detto di monitorare il nodulo per vedere se diventava più grande.

Questa foto del nodulo sul cane è stata scattata 5 giorni dopo. Sembrava della stessa dimensione ma leggermente più nodoso.

Perché un nodulo sul cane può essere una preoccupazione

A volte un nodulo non è una grande preoccupazione. Cani anziani, cani in sovrappeso e anche cani di una certa razza, come labrador, golden retriever e corgi sono abbastanza inclini a sviluppare grumi grassi o ‘lipomi’, ha scritto Rayya the Vet nel suo post sul blog qui.

I cani retriever sono più suscettibili ai lipomi o grumi grassi.

‘Questi grumi sono solitamente morbidi e non attaccati al tessuto sottostante e benigni’. Tuttavia, ha anche scritto che ‘questi grumi devono essere strettamente monitorati in quanto possono occasionalmente diventare cancerosi’.

Un nodulo può anche rivelarsi una cisti, una verruca, un ascesso o un tumore a cellule di montone. Quest’ultimo è il cancro della pelle più comune nei cani, secondo pets.webmd.com. A seconda di cosa sia il nodulo, ovviamente proveremo diversi livelli di preoccupazione per il cane.

Ma senza una diagnosi dal veterinario, sapevo solo a quel punto che Donna aveva un nodulo. Non sapevo che tipo di nodulo fosse.

Un nodulo che preoccupava il cane

I giorni passavano e ogni tanto controllavo il nodulo. Mi preoccupavo se stava diventando più grande? Stava causando disagio al cane, perché vedo che a volte se lo lecca.

Quando il nodulo ha iniziato ad apparire un po’ ruvido e irregolare, ho deciso che avevo bisogno di consultare di nuovo il veterinario per tranquillizzarmi.

Abbiamo aspettato un bel po’ dal veterinario e Donna si è divertita a controllare gli altri cani presenti.

Guarda questo video su Youtube!

Questa è la foto che ho scattato al suo nodulo mentre aspettavamo il nostro turno dal veterinario.

Gonfiore scabroso e ruvido con rossore sotto sulla parte interna della zampa posteriore del cane, scattata il 30 gennaio 2017.

La dottoressa Gwenda Lowe del Brighton Vet ha esaminato Donna e ha consigliato che, poiché il nodulo era sulla pelle di Donna, era mobile e non sembrava essere attaccato a nulla all’interno, era probabilmente benigno.

Tuttavia, ha anche scritto sulla nostra fattura che questo non può essere confermato senza una biopsia. Ci ha mandato a pensare se vogliamo programmare un day surgery per rimuovere il nodulo e mandarlo a fare la biopsia.

Note dalla diagnosi del veterinario sul nodulo alla gamba di Donna

Quindi Donna è tornata a casa con un lavaggio antisettico e una crema. Hanno aiutato ad abbassare il rossore e l’infiammazione intorno alla lesione creata quando ha leccato o mordicchiato il nodulo.

Abbiamo anche messo Donna in un cono in modo che non continuasse a disturbare il nodulo o a leccare il lavaggio e la crema applicata su di esso. Questo cono non è stato molto efficace per impedirle di mordere i punti dopo l’intervento, quindi consiglio un cono che sia più simile al collare elisabettiano. Ne abbiamo comprato uno di plastica, ma in futuro potremmo passare a questo che sembra più comodo.

La lesione è guarita e il nodulo ha iniziato a sembrare meno scuro entro una settimana.

Sembra un neo? Tranne che sapevo che in origine non c’era un neo in quel punto!

Ma verso la fine del mese, sembrava essere più grande e più grasso di prima. Forse è diventato più grande, o forse il cane lo sta leccando e mordicchiando di nuovo, perché posso vedere del rossore intorno. Qualunque cosa sia, sta influenzando la qualità della vita di Donna e per estensione la mia, abbiamo deciso che doveva uscire.

Un’immagine sfocata, ma si può vedere approssimativamente quanto più scuro e crostoso e più spesso è diventato? Questo era il 26 febbraio 2017, quindi poco meno di due mesi da quando abbiamo scoperto il nodulo.

Cosa era il nodulo sul cane?

I risultati della biopsia hanno mostrato che si tratta di un papilloma virale causato dal papillomavirus canino.

La diagnosi del patologo veterinario sul nodulo di Donna è che si tratta di un papilloma virale causato dal papillomavirus canino.

Si riscontra più spesso nei cani con meno di 2 anni di età, poiché il loro sistema immunitario è ancora in sviluppo e più debole a quell’età. Ed è più frequentemente rilevato sulle labbra e sul muso e all’interno della bocca perché è lì che si diffonde comunemente. Il papilloma virale è tipicamente descritto come avente un aspetto simile a un cavolfiore color carne.

Il nodulo o verruca o papilloma virale che era su Donna. Sulla sinistra, ha un aspetto che è più vicino all’aspetto del cavolfiore color carne rispetto al nodulo più scuro sulla destra.

I cani anziani possono avere una minore immunità al papillomavirus canino, ma non è così comune come per i cuccioli

Il caso di Donna non è forse così comune poiché lei è vicina agli 8 anni quando ha avuto il nodulo. Il nodulo era all’interno della sua zampa posteriore e non intorno al suo muso o nella sua bocca dove si trovano più comunemente. Il nodulo aveva l’aspetto di una palla nera o di un neo, a differenza di un cavolfiore. Quindi, a causa di questi fattori, il nostro veterinario non ha immediatamente identificato il nodulo come un probabile papilloma virale. Invece, ha raccomandato una biopsia chirurgica per scoprire cosa fosse.

Ma un cane anziano come Donna può avere un papilloma virale se non ha l’immunità a questo virus. Il papilloma virus canino è contagioso e si diffonde attraverso il contatto con altri cani. Quindi Donna probabilmente l’ha preso quando un altro cane è entrato in contatto all’interno della sua zampa posteriore. Forse quando la stava annusando lì. Questo virus canino non può diffondersi agli esseri umani e ai gatti, quindi non c’è da preoccuparsi.

Secondo Roger Welton, DVM, “L’incubazione dal momento dell’infezione allo sviluppo delle verruche papilloma è di 1-2 mesi”. Dato che ho trovato per la prima volta il nodulo su Donna il 10 gennaio 2017, questo potrebbe significare che Donna è entrata in contatto con il virus già nel novembre 2016. Durante questo lasso di tempo, ha visitato l’asilo, ha fatto passeggiate, ha incontrato cani sconosciuti in spiaggia e persino è andata dal toelettatore. Ognuna di queste situazioni potrebbe averla esposta a questo virus.

Un cane con le verruche è contagioso per i cani con un’immunità più debole

“Un cane con le verruche è estremamente contagioso (per i cuccioli di meno di 2 anni e per i cani più vecchi con un’immunità inferiore)”, secondo il Blue Cross Animal Hospital sul loro articolo sul Papilloma Virus Canino.

Siccome Donna con il suo nodulo solitario sulla gamba era contagiosa per gli altri cani, penso che avremmo dovuto tenere Donna lontana dagli altri cani nel momento in cui l’abbiamo scoperto. Ma dato che non sapevamo che si trattava di un papilloma virale finché non l’abbiamo fatto rimuovere chirurgicamente per la biopsia, non l’abbiamo fatto. 🙁

In generale, sembra che ci siano poche misure di prevenzione che possiamo prendere quando si tratta di papillomi virali. C’è un periodo di incubazione di 1-2 mesi in cui un cane contagioso in una pensione per cani o in un asilo o anche in una toelettatura può mostrare zero segni esteriori durante questo periodo. Quindi è difficile da rilevare.

Fortunatamente, ‘le verruche papilloma stesse non rappresentano alcun pericolo significativo per il cane infetto’, ha detto Roger Welton, DVM sul suo post Papilloma Virus/Warts in Dog and Puppies.

In pratica sono solo brutte, ma non pericolose per la vita 😛

Le verruche causate dal Papilloma Virus possono regredire spontaneamente nel tempo

La probabilità che il nodulo si trasformi in un tipo di cancro della pelle è molto rara. Infatti, il nodulo può regredire spontaneamente nel tempo quando il virus viene eliminato.

Vedi anche questo post dove una macchia bianca è apparsa sulla zampa di Donna nel marzo 2013 ed è scomparsa nel dicembre 2013 – A White Patch on My Dog’s Paw.

Una volta che il cucciolo infetto cresce e sviluppa completamente il suo sistema immunitario, combatterà la malattia. Il cucciolo avrà in seguito l’immunità contro il virus. È un po’ come la varicella nell’uomo in questo senso.

Quindi non è necessario rimuovere chirurgicamente il nodulo.

Questo a meno che non dia fastidio al cane (come nel caso di Donna). O se non regredisce entro il 4° mese, dice la dottoressa Gwenda di Brighton Vetcare. Questo è il punto in cui ci può essere la preoccupazione che il nodulo possa mutare in un tumore canceroso.

Post-intervento dopo la ferita di Donna per prevenire l’infezione

Anche se il nodulo fosse rimasto benigno, lasciare un nodulo contagioso su Donna per mesi non era ideale per me. Le avrebbe impedito di avere una vita sociale per un tempo malsano e indefinito.

I cani anziani con una minore immunità a questo virus hanno bisogno di più cure

“Ci sono molti ceppi di papillomavirus”, dice il dottor Gwenda. “I cani sono immuni alla reinfezione con lo stesso ceppo di papillomavirus dopo che le lesioni regrediscono.”

Il dottor Gwenda ha anche detto che, essendo Donna un cane anziano, non si aspettava che avesse una verruca papillomatosa a questa età.

Ho chiesto al veterinario se questo significa che Donna ha una bassa immunità in generale. La dottoressa Gwenda ha risposto che potrebbe non essere questo il caso. Donna potrebbe semplicemente avere un’immunità più bassa a questo particolare ceppo di virus con cui è stata infettata, se non vi è mai stata esposta prima.

E’ possibile che a Donna crescano nuovi grumi se non ha sviluppato l’immunità allo specifico ceppo di virus verso cui è debole. Questo può accadere se entra di nuovo in contatto con il virus. Questo mi fa pensare due volte a lasciare che Donna interagisca con cuccioli non familiari. I cuccioli hanno la più alta incidenza di questa malattia rispetto ai cani di altre fasce d’età.

Spero che Donna non entri troppo spesso in contatto con questo virus perché la vita può diventare scomoda quando le cresce un nodulo contagioso.

Donna non è più contagiosa una volta rimossa la verruca?

La pelle era guarita dove il nodulo era stato rimosso chirurgicamente. I capelli dovevano ancora crescere sulla zona calva in questa foto.

Nessuno sa con certezza per quanto tempo i cani sono contagiosi dopo che la verruca è stata rimossa, ha detto il dottor Gwenda. Una scommessa sicura è che è probabile che non stia perdendo il pelo se non si sviluppano nuove verruche 3-4 settimane dopo l’intervento.

E così, anche dopo l’intervento, abbiamo tenuto Donna lontana dall’asilo e dagli altri cani.

Molti ringraziamenti alla dottoressa Gwenda Lowe di Brighton Vet che ha trovato il tempo di rispondere alle mie domande via e-mail e ha rivisto la mia bozza nel caso avessi fatto qualche errore di fatto o imprecisione nel contenuto. Potete seguire Brighton Vetcare su facebook per ulteriori informazioni sulla salute e anche per incontrare altri dei loro morbidi clienti!

E molti ringraziamenti all’assistente della clinica United Vet Clinic per aver dato un’occhiata al nodulo di Donna nonostante fossero molto occupati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.